Tecnica - direzione di coro

Vai ai contenuti

Menu principale:

Tecnica

Pianoforte


TECNICA PIANISTICA - ELEMENTI DI ANATOMIA


iniziamo il nostro viaggio verso una comprensione piu’approfondita della tecnica pianistica analizzando la struttura muscolare.
questa breve analisi ci permetterà di approfondire la natura dei vari movimenti, e l’azione fisiologica piu’ corretta, per realizzarli.
la conoscenza dei termini muscolari, almeno i principali, serve a creare un lessico al quale fare riferimento nelle trattazioni successive.



I movimenti fondamentali nell'attività pianistica sono:

- la flessione;

- l’estensione;

- l’abduzione;

- l’adduzione;

- la rotazione ( pronazione, supinazione).



MOVIMENTO DI FLESSIONE

Azione che permette l’avvicinamento di due parti del corpo.

MOVIMENTO DI ESTENSIONE

Azione che permette l’allontanamento di due parti del corpo.

MOVIMENTO DI ABDUZIONE

Movimento che provoca l'allontanamento

di un segmento dall'asse mediano del corpo,

es: articolazione scapolo-omerale, movimento dell'omero verso una posizione orizzontale, mediante l'uso del muscolo deltoide.

MOVIMENTO DI ADDUZIONE

Movimento non che provoca l'avvicinamento di un segmento all’asse mediano del corpo.

Contrario ai movimenti di abduzione

MOVIMENTO DI ROTAZIONE

Movimento che permette ad un segmento di ruotare intorno al proprio asse.

L’avambraccio permette movimenti di:

pronazione: movimento che porta il dorso della mano verso l'alto.

supinazione: movimento che porta il dorso della mano verso il basso.



TIPI DI MUSCOLI

Muscoli associati

muscoli che concorrono a produrre un determinato movimento

Muscoli antagonisti

muscoli che esercitano funzione opposta e contraria su uno stesso segmento.

es. muscoli flessori ed estensori attivati contemporaneamente.

Muscoli estensori:

nell’ arto superiore tra i muscoli laterali dell'avambraccio si trovano:

il muscolo estensore radiale lungo del carpo,

che va a inserirsi alla faccia dorsale della base del 2° osso metacarpale la cui azione provoca l'estensione e l’abduzione della mano.

Il muscolo estensore radiale breve del carpo,

che si inserisce alla faccia dorsale della base del 3° osso metacarpale ed è estensore della mano.

Appartengono i muscoli posteriori dell'avambraccio:

il muscolo estensore comune delle dita, i cui tendini di inserzione vanno alle ultime quattro dita provocando nelle estensione;

il muscolo estensore proprio del mignolo, il cui tendini in corrispondenza del 5° osso metacarpale, si fonde con quello del muscolo è estensore comune delle dita che va al mignolo;

il muscolo estensore ulnare del carpo, che si inserisce alla parte interna della base del 5° osso metacarpale, ed è estensore ed adduttore della mano;

il muscolo estensore breve del pollice, che si inserisce sulla faccia dorsale della base della prima falange del pollice;

il muscolo estensore lungo del pollice, che si inserisce alla base della falange distale del pollice;

il muscolo estensore proprio dell'indice , il cui tendine in corrispondenza dell'articolazione

metacarpo-falangea dell'indice, si fonde con quello del muscolo estensore comune delle dita destinato all'indice.

Muscoli flessori

Nell’avambraccio, si trovano diversi muscoli flessori.

Il muscolo flessore radiale del carpo (grande palmare) si inserisce alla base del 2° o 3° corso metacarpale; flettere la mano sul avambraccio e questo sul braccio; è pronatore dell'avambraccio.

Il muscolo flessore ulnare del carpo (cubitale anteriore) si inserisce all'osso piriforme; è flessore è adduttore della mano.

Il muscolo flessore superficiale delle dita, si inserisce alle quattro dita ulnari, provocando la flessione della seconda falange sulla prima.

E il muscolo flessore profondo delle dita che si inserisce alla base della terza falange delle quattro dita ulnari, flette la falange ungueale sulla precedente e sulla falange della nocca.

Il muscolo flessore lungo del pollice che si inserisce sulla base della falange distale del pollice, di cui provoca la flessione.

Il muscolo flessore breve del pollice che si inserisce sulla parte laterale della base della falange prossimale del pollice di cui è flessore.

Il muscolo flessore breve del mignolo che si inserisce sulla parte mediale della base della prima falange del mignolo, della quale provoca la flessione.

Muscoli rotatori

Muscoli che provvedono alla pronazione e supinazione della mano.

La supinazione corrisponde a una rotazione del radio attorno al suo asse longitudinale.

Due muscoli realizzano questo movimento:

il muscolo supinatore (supinatore breve, e il muscolo brachio-radiale (supinatore lungo) il quale flette inoltre l'avambraccio sul braccio.

Anatomia della mano

Lo scheletro della mano è costituito da 27 ossa che formano tre gruppi:

il metacarpo, costituito dal cinque ossa lunghe dette ossa metacarpali;

le falangi in numero di tre per ogni dito ad eccezione del pollice che ne ha due.

Distinguiamo una regione palmare (palmo della mano) e una regione dorsale

nella quale si rendano evidenti il tendini dei muscoli estensori delle dita.

I muscoli proprio della mano, tutti situati nella fascia palmare, o volare, si distinguono in:

muscoli dell’ eminenza tenar, ai quali si devono è più diversi movimenti del pollice;

muscoli dell’ eminenza ipotenar , le cui azioni consentono, a secondo dei muscoli movimenti rare del mignolo;

muscoli del palmo della mano, cioè i muscoli lombricali che flettono la prima falange ed estendono la seconda e la terza);

muscoli interossei palmari e dorsali che permettono i movimenti laterali delle dita.

Muscoli:




    
il muscolo è estensore ulnare del carpo (1)

il muscolo estensore proprio del mignolo (2),

il muscolo estensore comune delle dita (3),

il muscolo estensore breve del pollice (4),

il muscolo a adduttore del mignolo (5),

il muscolo estensore lungo del pollice (6),

il muscolo abduttore breve del pollice (7),

il muscolo flessore breve del pollice (7b)

il muscolo adduttore del pollice (8),

i muscoli interossei dorsali (9),

il muscolo abduttore del mignolo (10),

il muscolo flessore breve del mignolo (11),

il muscolo opponente del mignolo (12),

i muscoli lombricali (13).

Tendini:

i tendini dell'estensore comune delle dita (14),

il tendini dell'estensore comune del pollice (15),

il tendine del flessore radiale del carpo (16),

il tendine del flessore ulnare del carpo (17),

il tendini dei flessori comuni (18),

il tendini del flessore superficiale delle dita (19).











Guaine:

la guaina del tendine del muscolo estensore ulnare del carpo (20),

la guaina del tendini del muscolo estensore proprio del mignolo (21),

la guaina dei tendini del muscolo estensore comune delle dita (22),

la guaina dei tendini dei muscoli estensori radiali del carpo (23),

la guaina dei tendini del muscolo abduttore lungo ed estensore breve del pollice (24),

la guaina dei tendini dei muscoli flessori comuni (25),

le guaine digitali (26).

 
Torna ai contenuti | Torna al menu